Occupazione dell’Università

Molte facoltà dell’Università degli Studi di Roma “La Sapienza” sono state occupate dagli studenti per protesta contro il decreto di legge della Moratti.
Il dipartimento di Fisica, a cui sono iscritto, è stato fra i primi ad essere occupati.
Anche se è stata messa in discussione la democraticità di questa presa di posizione, sono stato piacevolmente sorpreso della qualità organizzativa e della serietà con cui è stata portata avanti.
E mi ha molto amareggiato sapere che un mio compagno di corsi abbia scritto un articolo il quale, anche a causa di un titolo che lui, ci tengo a precisare, non ha scelto, comunica una visione d’insieme molto negativa dell’attività studentesca.
La risposta al suo articolo non è mai stata pubblicata.
E così quelle persone che credono davvero in quello che fanno, che, sì, prendono il megafono, ma dopo le vedi passare la scopa e raccogliere lattine accartocciate, possono passare per l’ennesimo gruppetto che senza avere molto a che fare con i coinvolti abusa di una situazione critica per sollazzarsi in modo eccessivo e malsano.
Non so se mi ferisca di più vedere un ragazzo così simile a me esprimere un suo disagio nei confronti di una realtà raccontandola solo attraverso quegli elementi più o meno superflui che possano trasmetterlo, informando le persone più sul suo stato d’animo che su di essa, ignorando che i lettori non possono distinguere, senza considerarne la responsabilità, oppure se mi offenda di più il modo con cui la stampa abbia approfittato di questa sua ingenuità, che l’ha reso strumento di disinformazione politica.
Fortuna che c’è Internet! 😈

Tornando a me, a quanto pare sono fra i più competenti in ambito tecnologico, o almeno fra quelli volenterosi e, dato che c’era un solo ragazzo capace di mettere mano ad un computer ma aveva molto altro da fare, mi è toccato occuparmi di alcune cose, in particolare un Mac che ha simpaticamente smesso di funzionare.
Interessante occasione d’apprendimento. 🙂

14 pensieri riguardo “Occupazione dell’Università”

  1. ho letto l’articolo del tuo amico e sinceramente non so quanto ci sia di falso in cio ke ha detto… ho sentito anche altre persone dire queste cose…. quindi non so se sia pazzia collettiva, o se effettivamente su questa occupazione non è stato proprio detto tutto..
    un bacio

  2. Certo che non lo sai, non c’eri! 😀
    Io non ho mai detto che ci sia del falso in quanto ha scritto.
    Dico che la sua rappresentazione è come un quadro dipinto solo nelle zone d’ombra, e solo dove il colore è nero, viola o marrone. Ho voluto aggiungere un po’ di colore, per finire il lavoro. 😉
    E’ ovvio che in mezzo a tanta gente ci sia qualche deficiente, e parlare solo di loro è come descrivere il mare parlando di uno scoglio.
    Molti dettagli sono davvero superflui, come dire quanti siano gli iscritti a fisica pur sapendo che gli studenti attivi sono una netta minoranza ( 😛 ), e fare un discorso sulla rappresentatività di 300 persone mi pare ridicolo quando al parlamento per rappresentare circa 50 milioni di Italiani ci sono meno di mille persone (e qui non sto criticando la rappresentatività del parlamento). Anche dire che si fanno feste complete di fumo, alcool e musica mi sembra molto poco indicativo, soprattutto considerando che è stata una cosa tranquillissima. E dire che si sono visti un film, cavolo, non hanno proprio un piffero da fare, eh?
    Io invece il film non l’ho visto, non mi sono espresso a favore dell’occupazione, ma sono andato a vedere lo stesso cosa potesse produrre. Impressionato dalla buona volontà degli organizzatori, sono stato a dare una mano con i computers ed ho visto molta gente elaborare della seria documentazione sul DDL, molta più di quanto sia riuscita a leggerne.
    Usare le strutture universitarie in concomitanza del blocco della didattica per organizzare un ampio gruppo di documentazione ed informazione, è un “piccolo dettaglio” completamente trascurato da quell’articolo, forse invece l’unica cosa significativa di questa occupazione, e pertanto l’unica cosa che meriterebbe di essere detta.

    Per chi volesse saperne di più, può visitare il sito della Protesta contro il DDL Moratti.

  3. Ehm… che c’entra? 😐
    Anche se spesso quando qualcuno esprime pareri negativi nei confronti di un messaggio altrui significa che ne nega il contenuto, per Giove e gli anelli di Saturno non è questo il caso!
    Il mio intento era solo estendere la sua descrizione della realtà perché non rendeva giustizia all’impegno di tanti ragazzi.
    Poi visto che è un blog (un diario “personale”) ho aggiunto cosa mi ha ferito, e non ho detto che fosse sbagliato, non avrebbe senso dato che il mio articoletto non è indirizzato a lui.
    Se ritieni che io abbia invece criticato dei pensieri, per favore chiariscimi questo punto, ‘ché non ho mai voluto mettere in dubbio la libertà di pensiero. 😛

  4. io cel’avevo con ciò ke ho scritto io… e cmq se ti facessi meno seghe mentali vivresti moooooooooooolto meglio….. 😉

  5. e poi mi dispiace dirlo ma piu leggo il tuo blog e piu non sono d’accordo!!!
    è stato un inutile spreco di tempo e giusto ki non ha voglia di fare nulla e non ha voglia di studiare puo aver trovato benefici a perdere ore di lezione soprattutto in prossimità di esoneri….
    scusa ma lo sai io la penso esattamente così.

  6. Lì per lì avevo scritto una risposta molto più breve nel mio commento precedente, poi mi sono venuti dei dubbi, non potevo certo immaginare che ti scrivessi i commenti da sola! 😐
    Poi mi diresti su cosa non sei d’accordo? Come ho scritto e ribadito il mio scopo era descrivere i fatti, e visto che non c’eri non credo tu intenda non essere d’accordo su quelli. 😛
    Non ho capito di cosa ti scusi.
    Se vuoi scusarti con qualcuno quello non credo di essere io, ma tutte le persone che hanno sacrificato ore di lezione per produrre informazione; sforzo completamente vanificato da chi, soprattutto se studente, non si è curato d’informarsi seriamente, o si sarebbe accorto che un’analisi accurata del DDL e delle sue implicazioni richiede una preparazione interdisciplinare notevole, e moltissimo tempo, che una persona sola può non avere.
    Tempo che loro hanno speso per gli altri, nessuno credo sarebbe stato così deficiente da dire di aspettarsi un beneficio dal perdere ore di lezione (che si sarebbero in buona parte perse comunque vista la coincidenza con il blocco della didattica!), se non nella speranza che informare in modo dettagliato più persone possibili possa frenare un problema sociale che implicherà gravi difficoltà nel loro futuro.
    E forse anche nel tuo.
    Se tu non hai letto quello che hanno scritto, se non gli hai chiesto cosa trovassero di sbagliato in questa legge (tu che potevi di persona), per te l’occupazione è stata davvero un’inutile perdita di tempo.
    Che lo sia stato anche per gli altri, dipende da loro, chi lo ha speso impegnandosi spera (e io con loro) che qualcuno, universitario o meno, abbia capito cosa è successo, cosa può accadere, perché, e magari penserà a cosa si può fare. E questo non dipende dalla voglia di studiare. 🙂

  7. io mi informerò su questo decreto legge, ed è proprio xke non so con certezza cosa porterà non ho partecipato a questa cavolo di occupazione.
    sicuramente non lo chiederò a chi ha organizzato un’occupazione in cosa consiste questo ddl…ho bisogno di una fonte imparziale e loro di sicuro non possono esserlo. su internet si trova di tutto sicuramente troverò il testo della legge.
    e cmq sembra che x te queste persono siano eroi della patria che hanno sacrificato il loro tempo x istruire delle povere menti ignoranti che non hanno nemmeno apprezzato i loro sforzi….
    perchè non stai un po piu coi piedi per terra invece di esaltare tutto questo come fosse un’opera di salvezza??

    “Se vuoi scusarti con qualcuno quello non credo di essere io, ma tutte le persone che > sforzo completamente vanificato da chi, soprattutto se studente, non si è curato d’informarsi seriamente, o si sarebbe accorto che un’analisi accurata del DDL e delle sue implicazioni richiede una preparazione interdisciplinare notevole, e moltissimo tempo, che una persona sola può non avere.” …..mi sembra un po esagerato tutto questo non credi…?

  8. No, mi accorgo però che mi potevo esprimere meglio, intendevo che se nessuno si fosse curato d’informarsi il loro sforzo sarebbe stato completamente vanificato.
    Perché parti dal preconcetto che chi occupa sia fazioso? Non possono essere semplicemente studenti come te, che si sono informati prima di te ed hanno agito di conseguenza? Non possono essere semplicemente persone con i tuoi stessi interessi?
    Prima di decidere da quale parte stare, io penso sia bene capire quale parte sia dalla propria, e l’unico modo che conosco per saperlo è sentire cosa hanno da dire, senza precludersi dei punti di vista.
    Non ci trovo niente di male in quello che ho scritto, volevo evitare a qualcuno di fare l’idiota come me, che dopo aver perso un sacco di tempo cercando di fare un confronto dei testi della vecchia e nuova legge l’ho trovato già fatto, ed avrei perso ore a trovare tutti i riferimenti ad altre leggi, senza le quali alcuni punti non si capiscono. Se hai proprio bisogno di sbatterci la testa e perdere tempo per capire che hanno fatto esattamente la stessa cosa… 🙂
    Mi sembri me quando cerco d’inventarmi la meccanica analitica. 😛

  9. Ci vuole coraggio a paragonarmi a te che inventi meccanica analitica…. è impossibile!!!!!!!!!!

    quindi vedi di studiare invece di perdere tempo con cose troppo aleatorie e che non portano a niente… e non rispondermi che x te è piu importante e che hai piu piacere a fare quello xke non si puo vivere solo delle cose che ci piacciono o che ci vanno. sarebbe troppo facile la vita senno.

    baci

  10. Sto cercando di prendere un lavoro, il fatto che io studi poco non vuol dire che mi diverta.
    Tu sei evidentemente convinta che fare cose come foglietti informativi allegati ai libri per informare le persone sia una cosa inutile, mi spiace che tu abbia così poca considerazione e fiducia nel prossimo.

Rispondi